PHONE +39 335 6382149

MENU

  Itinerari della fede

L O A D I N G

“Fermo Mia” il primo portale D.o.c.
di Fermo e del territorio fermano.

 

Nel portale “Fermo Mia” troverete tantissime peculiarità storiche della città di Fermo e di tutto il fermano, la Fermo artistica, la Fermo culturale, la Fermo storica, la Fermo nascosta, la Fermo che non si conosce.

a cura di Piero Evandri

territorio del fermano

Santuario della Madonna dell'Ambro

»  Home  »  Menu  »  Itinerari della fede  »  Santuario della Madonna dell'Ambro - Montefortino

Santuario della Madonna dell'Ambro  »  Territorio di Montefortino

Comune di Montefortino

 

Il santuario, che deve il suo nome al vicino torrente Ambro, è uno dei più visitati dopo quello di Loreto. Sorge a 658 mt. di altezza tra il Monte Priora e Monte Castel Manardo, nel cuore del Parco dei Sibillini, in un paesaggio di rara bellezza.

Il santuario, detto anche “Piccola Lourdes dei Sibillini”, per le tante similitudini col più famoso santuario della Francia, (tutti e due sorgono vicino ad un corso d’acqua, tra splendide montagne e devono la loro esistenza a due umili pastorelle alla quale la Madonna apparse) deve la sua origine ad una apparizione della Vergine ad una pastorella nel maggio dell’anno Mille.

La bambina, di nome Santina e sordomuta dalla nascita, ottenne il dono della parola in cambio delle preghiere e dei fiori che ogni giorno portava all’immagine della Vergine posta nella cavità di un faggio.

Le prime notizie del santuario risalgono al 1037, ma la piccola edicola originaria fu ricostruita, più grande, all’inizio del XVII° secolo, su progetto dell’architetto Venturi di Urbino. Questi fece si che la grande statua in pietra della Vergine già esistente, fosse visibile attraverso un finestrone e apparisse come una pala dell’altare maggiore.

Ancora oggi la statua è visibile in questo modo, attraverso una grata sopra l’altare, anche se all’interno di un edificio ricostruito nel XX° secolo.

La vecchia cappella è tappezzata di ex voto e la chiesa conserva anche dipinti di Sibille a testimonianza di quanto la tradizione della profetessa fosse radicata in questi posti, senza avere quella connotazione negativa che è avvenuta molto più recentemente: nel passato sacro e profano si intrecciavano senza soluzione di continuità.

© www.FermoMia.it  -  Testi di Alessandra Di Ruscio

© Copyright foto - www.FermoMia.it

Info: contatti - contact us

» E' vietata la riproduzione, anche per sunti di testi e immagini.

N.B. Si declina ogni responsabilità per inesattezze o variazioni relative ai dati pubblicati, rimaniamo a disposizione per ogni segnalazione e richiesta di ulteriori informazioni.

Scegli i nostri canali della Qualità Made in Italy  -  Choose our channels of the Made in Italy Quality