PHONE +39 335 6382149

MENU

  Itinerari della fede

L O A D I N G

“Fermo Mia” il primo portale D.o.c.
di Fermo e del territorio fermano.

 

Nel portale “Fermo Mia” troverete tantissime peculiarità storiche della città di Fermo e di tutto il fermano, la Fermo artistica, la Fermo culturale, la Fermo storica, la Fermo nascosta, la Fermo che non si conosce.

a cura di Piero Evandri

territorio del fermano

Tempio Monumentale di San Francesco

»  Home  »  Menu  »  Itinerari della fede  »  Tempio Monumentale di San Francesco - Fermo

Tempio Monumentale di San Francesco  »  Territorio di Fermo

Comune di Fermo

 

Il Tempio di San Francesco (Monumento Nazionale)

 

L'anno di fondazione del tempio, con l'annesso convento costruito sul lato nord a più riprese, fino al 1771, è incerto; sembra però che la prima pietra sia stata posta nel 1240, come documentava un'iscrizione posta sopra il portale d'ingresso, all'interno, ora non più esistente. E' certa invece la datazione della torre campanaria, secondo il cronista locale Anton di Nicolò, che risale al 1425.

Il tempio sorge al margine nord orientale della città e si impone visivamente per la sua mole e la purezza dei volumi. E' interamente costituita da mattoni a faccia-vista e si evidenziano, sia nel prospetto nord che in quello sud, i due piani che costituiscono la navata centrale (piano superiore più arretrato) e quelle laterali (piani inferiori più esterni). Il lato orientale è caratterizzatoo dall'abside poligonale, ornato da monofore ed oculi circolari. In corrispondenza della prima campata della navata sinistra è costruita la torre campanaria. E' ornata, all'altezza della cella campanaria, da bifore su ogni lato e si conclude con un volume prismatico a base ottagonale.

 

La facciata del tempio non è più aderente al gusto gotico originale, ma è d'impronta neoclassica. Incastonato in essa c'è uno splendido portale risalente al 1604 e realizzato in pietra d'Istria. Il portone, di abete e noce, si presume coevo al portale. L'interno è molto sviluppato in senso longitudinale (50 mt. di lunghezza per 20 mt. di larghezza) ed è diviso in tre navate con volte a crociera. Lo spazio del coro è rialzato rispetto alla quota pavimentata delle tre navate ed è riservato alla celebrazione del rito sacro. Sulla navata destra si apre una cappella quadrangolare, nota come cappella Euffreducci, aggiunta al corpo principale del tempio nel 1527, e voluta da Celenzia degli Oddi in memoria del figlio Ludovico, caduto nella battaglia del Tenna nel 1520. Nei secoli il convento ed il tempio subirono numerosi restauri e cambiamenti consoni ai canoni estetici del tempo. Soltanto nel XIX° e XX° sec. il tempio cominciò a riappropiarsi della sua "facies medioevale" fino ad avere l'aspetto che oggi conquista fedeli e visitatori.

© www.FermoMia.it  -  Testi di Alessandra Di Ruscio

© Copyright foto - www.FermoMia.it

Info: contatti - contact us

» E' vietata la riproduzione, anche per sunti di testi e immagini.

N.B. Si declina ogni responsabilità per inesattezze o variazioni relative ai dati pubblicati, rimaniamo a disposizione per ogni segnalazione e richiesta di ulteriori informazioni.

Scegli i nostri canali della Qualità Made in Italy  -  Choose our channels of the Made in Italy Quality