Banner
Banner
Fermomia: Il primo portale web della città di Fermo, del fermano e dei fermani D.o.c.  -   A cura di Piero Evandri
Home > Provincia di Fermo

La Provincia di Fermo - I quattro Comprensori Fermani

fermo_girfalco_medaglione_pp


 

La provincia di Fermo - Italia - Regione Marche

Fermo nacque in età picena e fu potente colonia romana, istituita affinchè controllasse la città di Ascoli.
Nell’Alto Medioevo, quando i Franchi successero ai Longobardi, posero la città a capo di una estesa regione chiamata Marca Fermana.
Questa, che abbracciava territori compresi tra il fiume Musone e il fiume Sangro, esistette tra il X° e il XII° secolo, alla fine del quale scomparve, inglobata quasi completamente dalla Marca di Ancona.

Nel 1199 Fermo si costituì Libero Comune e fu a capo di un piccolo stato (Comitato Fermano) che comprendeva ottanta castelli.
Nel 1538 lo Stato di Fermo fu dominio pontificio e nel 1589 conquistò la Sede Arcivescovile Metropolitana.
Nel Settecento e nell’Ottocento si alternarono unificazioni e divisioni.
Durante la dominazione napoleonica Fermo fu capoluogo del Dipartimento del Tronto e dopo la Restaurazione del 1815 tornò a scindersi in due.
Per volere di Papa Leone XII° il territorio si riunì nel 1824 (con due capoluoghi) e si scisse nuovamente con Gregorio XVI°.
Dopo la battaglia di Castelfidardo e l’annessione delle Marche al Regno d’Italia, il territorio era diviso in sei province: Ancona, Ascoli, Camerino, Fermo, Macerata e Pesaro. Dopo quindici giorni il ministro dell’interno Minghetti soppresse le province di Camerino e Fermo. La città pagava lo scotto per essere stata piuttosto fredda verso il nuovo Stato.
Nacque la nuova provincia di Ascoli-Fermo che fu subito trasformata in Ascoli Piceno.

I Fermani avvertirono questa decisione come uno sgarbo che non fu mai dimenticato. Nei decenni seguenti si cercò più volte di riottenere la provincia, ma bisogna arrivare al 2000 e alla proposta del Deputato Cesetti per riaprire le speranze dei Fermani. Fu soltanto la legislatura successiva, quella con Francesco Zama, che ottenne la sospirata vittoria con la L. 147 del 2004.

Negli ultimi vent’anni erano state molte le persone che avevano speso energie per la provincia di Fermo: da Abramo Mori e Primo Marilungo a Giorgio Cisbani e Giulio Orlando; da Pietro Diletti a Fabrizio Emiliani, da Ettore Fedeli a Fabrizio Cesetti; da Maurizio Pieroni a Francesco Zama; da Luciano Magnalbò a Stefano Bastianoni. Ed infine, per le realtà locali, occorre ricordare Alberto Palma, Fabrizio Leoni, il cav. Luigi Vitali, anima verace del territorio e Saturnino Di Ruscio.

Banner

 

www.FermoMia.it Il Primo e più Grande Portale del Fermano: troverai tutte le migliori offerte commerciali e turistiche in ogni mese dell'anno.
Last minute ed occasioni uniche per uno Shopping di qualità.
Scopri "Fermo Mia" e consiglialo ai tuoi amici in tutto il mondo.
"Fermo Mia" una garanzia di controllo e suggerimenti utili per una maggiore conoscenza della qualità territoriale.

 

Banner
Banner

Chi è online

 271 visitatori online
26/09/2017 Ore
cassetto
banner-corale
Banner

FACEBOOK FAN