Banner
Banner
Fermomia: Il primo portale web della città di Fermo, del fermano e dei fermani D.o.c.  -   A cura di Piero Evandri
Home > Il Palio > Cenni storici sulla Cavalcata

Cenni storici sulla Cavalcata

fermo_cavalcata_dellassunta_pCenni Storici

Ogni anno a Fermo, nella vigilia di Ferragosto, si rievoca un antico corteo che partendo dalla chiesa di santa Lucia risaliva fino al Girfalco, dove sorgeva l’antica cattedrale dedicata a santa Maria in Castello. Alla processione partecipavano le corporazioni artigianali (Arti), i castelli assoggettati (Contado) e le autorità cittadine (Magistratura), secondo un ordine prestabilito rimasto immutato per quasi otto secoli.

Le Arti più nobili come i droghieri, gli orefici, gli speziali e i mercanti, nonché i rappresentanti dei Castelli e la Magistratura erano tenuti a partecipare a cavallo, per questo motivo la processione prese il nome di Cavalcata dell’Assunta.

La cerimonia, oltre a rendere omaggio alla Vergine Maria, protettrice della Città e dell’intero Contado, assumeva anche un significato politico di ostentazione della potenza e del prestigio raggiunti dal comune di Fermo nei confronti dei castelli sottomessi.

Le corporazioni artigianali recavano doni consistenti in prodotti del loro lavoro, le più ricche donavano lampade e monete d’argento. I Castelli offrivano un certo quantitativo di cera ciascuno, stabilito da precisi accordi. I macellai, i mugnai, gli osti e gli albergatori dovevano offrire un cero ornatum et laboratum, in più gli osti e gli albergatori erano obbligati a preparare la taberna ornata e piena di regalie. I proprietari di muli e di asini insieme ai fornaciai dovevano portare un salma di laterizi e di pietre ben squadrate.

Alla cerimonia partecipavano anche i castelli di Monterubbiano, Morte Giorgio, Ripatransone, Monte Santo (Potenza Picena) e Monte Cosaro, che non facevano parte dei 48 castelli del Contado poiché erano considerati terre alleate (accomendate) ed in segno di amicizia e di rispetto donavano alla Cattedrale i palii che erano stoffe di pregio utilizzate dai canonici per realizzare addobbi o paramenti sacri.
Il corteo terminava con la “barca del Porto” che, per quasi otto secoli, i pescatori di Porto San Giorgio hanno portato in spalla per poi donarla ai prelati della cattedrale.

© Testi di Filippo Andrenacci
-   (Autore del libro “La Festa di Santa Maria dal medioevo ai nostri giorni”).
© Andrea Livi Editore » www.andrealivieditore.it

© www.fermomia.it - Il portale "Fermo Mia" ringrazia lo studioso Ing. Fillippo Andrenacci per la collaborazione offerta nella realizzazione di questa pagina.

 

Fotogallery
© www.FermoMia.it
© Foto Piero Evandri
Foto - Pubblicazione Autorizzata - Cavalcata dell'Assunta Fermo

 

» Visita la Città di Fermo

 

» Per maggiori informazioni visita www.cavalcatadellassunta.it

Banner

 

www.FermoMia.it Il Primo e più Grande Portale del Fermano: troverai tutte le migliori offerte commerciali e turistiche in ogni mese dell'anno.
Last minute ed occasioni uniche per uno Shopping di qualità.
Scopri "Fermo Mia" e consiglialo ai tuoi amici in tutto il mondo.
"Fermo Mia" una garanzia di controllo e suggerimenti utili per una maggiore conoscenza della qualità territoriale.

 

Banner
Banner

Chi è online

 194 visitatori online
24/02/2017 Ore
cassetto
banner-corale
Banner

FACEBOOK FAN